Analisi del titolo entrato nella watchlist di Pasca Premium, Moody’s Corp (MCO)

Moody's scritta/logo

Pasca Profit-scritta e logowww.pascaprofit.com

Moody’s Corp (MCO) mercato NYSE ISIN:US6153691059

 

Moody’s Corp (MCO) è attualmente all’interno della watchlist

Moody’s Corp (MCO) grafico

(fonte: finviz.com)

Analisi del business

Moody’s (NYSE:MCO) è una società privata con sede a New York, specializzata in analisi e ricerca finanziaria ed è la seconda maggiore società di rating al mondo. Possiamo dividere l’operatività dell’azienda in due segmenti di business, le quali contribuiscono in maniera differente alla generazione di fatturato.

1) Moody’s Investor Service: genera più del 60% dei ricavi totali dell’azienda e consiste in analisi di credit risk.
2) Moody’s Analytics: area caratterizzata da servizi come credit consulting, risk management, servizi di ricerca e analisi. Questo segmento genera circa il 40% dei ricavi totali dell’azienda.

La suddivisione del fatturato dell’azienda è la seguente: Stati Uniti (52,4%), EMEA (31%), Asia (11,1%), Sud America (5.5%).

Guardiamo qualche dato:

Moody’s Corp (MCO) grafico - sono mostrati i dati delle principali voci di conto economico a consuntivo degli ultimi tre anni e quelli stimati per i prossimi tre

Nell’immagine soprastante sono mostrati i dati delle principali voci di conto economico a consuntivo degli ultimi tre anni e quelli stimati per i prossimi tre. La dinamica futura del fatturato stimata dagli analisti indica un incremento annuale di 7% per i prossimi anni, leggermente inferiore rispetto alla media degli ultimi sette anni in cui la crescita annua si è attestata a quota 8.13% all’anno. Inoltre, secondo il consensus degli analisti di Wall Street, la crescita in termini di EPS è prevista pari a 11.2% annua composta per i prossimi cinque anni. Gli analisti vedono, quindi, un futuro di crescita a tassi in linea con il recente passato, stimando tassi di crescita vicini rispetto alla media degli ultimi anni (Moody’s ha incrementato in media l’eps del 11.93% annuo negli ultimi 5 anni).

Moody’s è caratterizzata da fondamentali eccezionali. Possiamo elencare una serie di parametri che ci aiutano a capire se un’azienda è effettivamente di alta qualità o meno. All’interno dei nostri screening aziendali sono presi in esame, ad esempio, indicatori di profittabilità e di crescita, come il rendimento sul capitale investito, la marginalità operativa, la crescita dei ricavi e dell’utile netto. Nell’immagine seguente mostriamo la dinamica del margine operativo:

Moody’s Corp (MCO) dati - mostrata la dinamica del margine operativo

L’azienda opera con una marginalità operativa vicina al 40%, risultato molto positivo. Nell’immagine seguente vediamo il ROIC adjusted, ossia il rendimento sul capitale investito e le sue componenti anno per anno:

Moody’s Corp (MCO) - il ROIC adjusted, ossia il rendimento sul capitale investito e le sue componenti anno per anno

Il rendimento sul capitale investito rimane ad alti livelli, nonostante sia in diminuzione rispetto alle medie degli scorsi anni. Questa capacità di produrre rendimenti alti sul capitale trova spiegazione nei vantaggi competitivi aziendali.

Nell’immagine seguente, invece, è mostrata la dinamica dell’utile netto. Notiamo che il tasso di crescita medio annuo dell’utile netto negli ultimi 7 anni è stato pari all’8,78%.

Moody’s Corp (MCO) , è mostrata la dinamica dell’utile netto. Notiamo che il tasso di crescita medio annuo dell’utile netto negli ultimi 7 anni è stato pari all’8,78%.

Ultime trimestrali – 29 agosto 2019:

Moody’s (NYSE: MCO) il 30 ottobre ha pubblicato i risultati relativi al secondo trimestre dell’anno fiscale. Nello specifico, la società ha riportato un EPS Non-GAAP pari a $2.15, dato superiore di $0.16 rispetto al consensus, mentre i ricavi del trimestre sono stati pari a $1.24B (+14.8% Y/Y), superiore alle aspettative di un delta pari a $60M. Il risultato di periodo è ampiamente positivo ed è sostenuto una forte ripresa nelle emissioni obbligazionarie, trainata soprattutto dalla diminuzione dei tassi di interesse di mercato rispetto allo scorso anno, ma anche alla bassa attività di emissioni obbligazionarie nel 2018 a causa della riforma fiscale.

VANTAGGI COMPETITIVI

In questa sezione andremo ad analizzare brevemente i vantaggi competitivi dell’azienda. Moody’s beneficia di uno dei più imponenti fossati economici dell’intero panorama azionario americano e questa caratteristica spiega la redditività eccezionale del suo business ma anche le valutazioni superiori alla media. Questo fossato economico è stato costruito in più di 100 anni di vita dell’impresa, con ingenti investimenti difficilmente replicabili. Il principale vantaggio competitivo è legato al fatto che Moody’s opera in un duopolio insieme all’altro leader di settore, ossia S&P Global (NYSE:SPGI). Oltre l’80% dei rating su emissioni di bond sono prodotti da queste due società e pensare che questa quota di mercato possa diminuire nei prossimi anni risulta ampiamente improbabile. Gli investitori istituzionali, infatti, richiedono agli emittenti di avere i rating di almeno una di queste due aziende, come certificazione della qualità. Gli investitori puniscono le emissioni senza rating di MCO/SPGI con tassi di interesse più elevati o minor conferimento di risorse. Mediamente le rating fees che gli emittenti pagano a Moody’s sono tra 6-7 basis point dell’emissione: costo abbordabile per i benefici che questa operazione può portare in termini di maggiore efficacia dell’emissione dello strumento finanziario.

In secondo luogo, la continua disintermediazione di mercato funge da driver di crescita per il business di Moody’s. L’attuale regolamentazione post-crisi Lehman Brothers ha cambiato il mondo bancario: i prestiti a rischio maggiore si sono spostati dai bilanci delle banche ai bilanci di investitori istituzionali e fondi privati, i quali spesso richiedono rating alle agenzie più importanti. Inoltre, la società trae beneficio dalla continua crescita dell’index investing poiché l’inclusione in un benchmark o la certificazione di “investment grade” (contrapposto al grado “speculative grade”) richiedono ratings.

Nuovi competitor possono sorgere all’interno del settore, ma per riuscire ad attaccare le quote dei due leader sono necessari ingenti investimenti e molto tempo per la creazione di intangibles determinanti. Questi player possono attuare strategie con il fine di attaccare nicchie di mercato, come quello degli strumenti finanziari più complessi, ma il coefficiente di difficoltà delle stime e la bassa prevedibilità rende difficoltosa la loro riuscita.

Analizziamo sinteticamente la forza finanziaria e operativa della società:

Moody’s Corp (MCO) tabella - sono indicati i principali ratios di salute finanziaria, di profittabilità e di crescita

Nella tabella soprastante sono indicati i principali ratios di salute finanziaria, di profittabilità e di crescita. Possiamo notare i punteggi sintetici: 6/10 punti sulla situazione finanziaria, mentre abbiamo un 10/10 eccellente sulla profittabilità aziendale.

La situazione finanziaria di MCO appare positiva, dati i valori degli indicatori principali finanziari. Utilizziamo indicatori più complessi come l’Altman Z-Score e l’Ohlson O-Score, i quali mirano ad avere una visione complessiva della sicurezza finanziaria della società, prendendo in considerazione molteplici ratios contemporaneamente. L’Altman Z-Score è pari a 5.4 (un risultato > 3 indica una situazione di sicurezza finanziaria), mentre l’Ohlson O-Score stima una probabilità di default nel breve termine pari a 31.84% (risultato maggiore di 20%, il quale viene considerato “valore soglia”), che rappresenta un risultato negativo ma su cui è importante ragionare sopra, consapevoli dei limiti di questo algoritmo. Per approfondire la situazione, possiamo notare un Interest Coverage Ratio pari 8.31 (molto positivo), mentre il livello di prevedibilità del business ha un rank pari a 91/100. La prevedibilità combinata con un ottimo ICR rende positivo il nostro giudizio finale sulla salute finanziaria della società.

Per quanto riguarda l’aspetto della profittabilità aziendale, Moody’s presenta un eccellente “Profitability Rank” pari a 10/10, molto superiore rispetto alla media delle imprese americane, le quali sono caratterizzate da un rank pari a 6/10. Nello specifico, MCO è caratterizzata da rendimenti sul capitale molto alti: adjusted ROIC trailing = 19.39%, ROE trailing = 240%. Come è possibile notare dalla tabella gli indicatori di marginalità, redditività e crescita sono superiori rispetto alle medie settoriali: segnale molto positivo per un investitore alla ricerca di aziende di qualità.

L’immagine seguente mostra le revisioni delle stime per quanto riguarda l’utile per azione (EPS) per l’anno in corso e per l’anno 2020 (immagine sopra) e le stime per il fatturato dell’anno in corso e dell’anno prossimo (immagine sottostante seguente).

Moody’s Corp (MCO) - revisioni delle stime per quanto riguarda l’utile per azione (EPS) per l’anno in corso e per l’anno 2020 e le stime per il fatturato dell’anno in corso e dell’anno prossimo

La valutazione

Moody’s Corp (MCO) tabella - sono rappresentati i principali ratios valutativi

Nell’immagine sono rappresentati i principali ratios valutativi. La situazione generale che possiamo ricavare da questi dati, combinati con gli indicatori di salute finanziaria e di profittabilità, è caratterizzata da una valutazione superiore rispetto alle medie macro-settoriali ma combinati con una profittabilità sensibilmente superiore rispetto alla media dei competitors.

Con il fine, invece, di stimare il valore intrinseco della società è stato costruito un piano previsionale di bilancio a più scenari. A differenza dell’analisi relativa, la quale si basa sulle valutazioni di mercato, l’analisi di tipo assoluto mira alla stima del valore intrinseco di una società, basandosi sullo studio dei documenti contabili, dei vantaggi competitivi e delle prospettive future. Il metodo utilizzato è basato su una serie di Discounted Cash Flow Model a più scenari che mirano a calcolare il valore intrinseco di un’azienda in grado di generare determinati risultati in termini di flussi di cassa, dato un certo rischio di business. I risultati delle analisi di valutazione indicano un valore intrinseco dell’azienda pari a $ 207 ad azione, che rappresenta una valutazione in linea rispetto ai prezzi attuali di mercato.

Nella seguente immagine viene mostrato il Peter Lynch Chart, che mira ad una stima approssimativa del valore intrinseco aziendale moltiplicando per 15 l’eps in ciascun periodo (linea blu) o utilizzando il il p/e mediano adjusted (linea rossa). Come si vede dall’immagine il prezzo è situato al di sopra della Peter Lynch Earnings Line (sopravvalutazione) e al di sopra della linea mediana del P/E depurata dai costi non ricorrenti (sopravvalutazione). È importante, guardando il grafico, capire i limiti e le assunzioni dietro a questi modelli per evitare di giungere a conclusioni affrettate. La sopravvalutazione rispetto alla linea Med P/E trova riscontro soprattutto nell’attuale fase di mercato in cui gli investitori hanno riversato le risorse finanziarie verso aziende di alta qualità e vantaggi competitivi importanti.

Moody’s Corp (MCO) grafico - Peter Lynch Chart

Rischi e incertezza in fase di studio

Il primo fattore di rischio legato all’operatività di Moody’s è la ciclicità delle emissioni obbligazionarie. Le emissioni obbligazionarie sono direttamente collegate alla dinamica dei tassi di interesse: all’aumentare dei tassi di interesse vi è un decremento delle emissioni obbligazionarie, che di conseguenza pesano negativamente sui risultati dell’azienda.
Un secondo fattore di rischio è il rischio reputazionale collegato alle cause sui rating, che possono portare anche a sanzioni importanti da parte delle autorità. Non riteniamo comunque che la situazione attuale sia paragonabile alla cattiva gestione di 10 anni fa, la quale contribuì alla crisi dei mutui subprime.

Ultimo fattore di rischio riguarda le valutazioni alte, anche se non eccessive, ma che potrebbero scontrarsi con il rendimento ottenuto da un eventuale investitore che entra a questi prezzi. Sebbene i vantaggi competitivi siano impressionanti, è consigliabile aspettare un’opportunità di entrata a prezzi migliori sfruttando.

Le mie conclusioni

Moody’s è un’azienda dai fondamentali eccezionali sostenuti da vantaggi competitivi importanti e duraturi nel tempo. Riteniamo che attorno all’azienda ci sia un vero e proprio fossato economico in grado di difendere le alte quote di mercato ottenute nel corso della sua lunga vita. Avere ottimi fondamentali, però, non basta per assicurare all’investitore un buon rendimento. Quando ci approcciamo agli investimenti azionari è importante valutare i prezzi di mercato in relazione al valore intrinseco dell’azienda. Il mercato sta già ampiamente riflettendo la qualità del business in valutazioni piuttosto elevate, le quali possono deprimere i rendimenti per i nuovi azionisti. Riteniamo la società non sovraprezzata, ma a livelli vicini al valore intrinseco. Il titolo rimarrà in watchlist per ulteriori analisi e nell’attesa di un maggior spread tra valore intrinseco e prezzi di mercato.

La ricerca statistica ha dimostrato che le azioni che mostrano determinati attributi fondamentali tendono a sovraperformare il mercato sul lungo termine. Un abbonamento al Portafoglio Pascarella ti consente di accedere ad un portafoglio redditizio basato su questi efficaci e collaudati driver di ritorno. Dimenticati di opinioni e speculazioni, le decisioni di investimento basate su dati fondamentali possono fornire rendimenti superiori con un rischio inferiore.

 

Analisi a cura di Marco Bergianti – +393204082091info@pascaprofit.com
Analista Senior: Giuseppe Pascarella, autore del libro Battere il Benchmark e gestore del portafoglio Pasca Premium e Portafoglio Pascarella

 

Le informazioni e i dati sono ritenuti accurati, ma non ci sono garanzie. Scripta Finance Srl non è un consulente d’investimento e non offre consigli specifici di investimento.

Le informazioni qui contenute sono solo a scopo informativo.

 

DISCLAIMER:

Le informazioni e i dati sono ritenuti accurati, ma non ci sono garanzie. Scripta Finance Srl non è un consulente d’investimento e non offre consigli specifici di investimento.
Le informazioni qui contenute sono solo a scopo informativo.

Le opinioni e le informazioni contenute nel presente documento sono state sono state redatte con la massima perizia possibile in ragione dello stato dell’arte delle conoscenze e delle tecnologie ed ottenute o derivanti da fonti ritenute attendibili, ma la loro accuratezza e la loro affidabilità’ non sono comunque in alcun modo e forma fonte di responsabilità da parte di Scripta Finance né’ di alcuno. I dati sono forniti da Compustat Xpressfeed, Standard & Poors, Finviz e una divisione di The McGraw-Hill Companies così come altri fornitori di dati di terze parti nonché dai Sec filling aziendali.
Gli alert di comunicazione e i rapporti di ricerca contengono pareri e sono forniti solo a scopo informativo, non costituiscono in alcun modo un servizio di consulenza finanziaria, né offerta al pubblico: le informazioni pubblicate non costituiscono una precisa raccomandazione ad investire, ad acquistare o vendere alcuno degli strumenti finanziari analizzati. Si consiglia di non fare affidamento esclusivamente sul documento di ricerca a fini di transazioni di titoli o altri investimenti, essi incoraggiano a condurre la propria ricerca e chiedere il parere di professionisti qualificati prima di fare qualsiasi investimento. Nessuna delle informazioni contenute nella presente relazione costituisce o è destinato a costituire una raccomandazione, né una sollecitazione all’investimento. Scripta Finance non è e non sarà responsabile di qualsivoglia perdita o danno in cui si possa incorrere in seguito all’affidamento sul contenuto dell’analisi o alert di comunicazione. Si ricorda che le analisi fornite non costituiscono un’indicazione utile delle prospettive future degli strumenti finanziari esaminati; si rammenta inoltre, che i Mercati Finanziari sono estremamente volatili e gli investitori possono incorrere in elevate perdite che, nel caso di utilizzi di margini, possono uguagliare o superare l’investimento originario. Scripta Finance svolge ogni sforzo affinché le informazioni contenute in questo sito siano accurate, ma non si assume la responsabilità per errori, ritardi o qualsiasi forma di imprecisione delle informazioni contenute. Eventuali decisioni di investimento che ne dovessero conseguire sono assunte, da parte dell’utente, in piena autonomia ed a proprio esclusivo rischio.

L’utilizzo di questo rapporto è disciplinato dalle condizioni di utilizzo di Scripta Finance, ne è vietata la divulgazione a scopo commerciale ed è ad uso privato del cliente Scripta Finance. Vendere o linkare tale report costituisce una violazione del diritto d’autore degli analisti di Scripta Finance, ogni violazione di tale diritto è punito con il ban da eventuali report e potrebbe precludere l’esclusione dalla lista dei nostri clienti.

Seguimi anche sul gruppo Facebook
"Battere il Benchmark"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Acquista il mio libro "Battere il Benchmark"

Scopri gli Ultimi articoli