Il mitico Buffett è un maestro anche quando sbaglia…

Se c’è una cosa che non piace a nessuno è sbagliare.

Purtroppo però gli errori fanno parte del gioco della vita e sono una parte essenziale del processo di crescita.

No, non temere, non voglio farti il solito pippone motivazionale sull’importanza di accettare i propri errori, anche se credimi sarebbe utilissimo, a me per primo.

Voglio invece parlarti di un caso concreto affinchè anche tu, come me, possa trarne i giusti insegnamenti.

Infatti se accettare gli errori è importante in tutti i campi della vita, ce n’è uno dove accettare gli errori è fondamentale per non soccombere.

Questo campo è quello degli investimenti che, guarda caso, è anche il campo dove l’errore può costarti carissimo e dove tutti noi faremo di tutto pur di non sbagliare e veder così il nostro conto in banca diminuire.

Ma come spesso accade, la paura di sbagliare ci fa commettere errori più grossi di quelli che cerchiamo di evitare.

Infatti per paura di perdere molto spesso si tende ad evitare qualsiasi tipo di rischio, ottenendo però perdite maggiori di quelle che avremmo avuto se avessimo accettato qualche rischio.

Gli investimenti a basso rischio – sempre che questo basso rischio sia reale, il chè è tutto da dimostrare – solitamente hanno un effetto letale: il capitale rimane pressoché fermo e viene falciato dai costi e dall’inflazione.

Non è il caso, in questo momento, di scendere nei particolari, ma potrei dimostrarti, conti alla mano, che l’inflazione e i costi, nel giro di 15 anni, possono erodere anche il 50% del tuo capitale. 

A Wall Street si ripete sempre una frase che io ritengo molto vera e che dovresti sempre tenere a mente: Ci sono rischi che non ti puoi permettere di correre ma ci sono rischi che non ti puoi permettere di NON correre.

Se non corri nessun rischio puoi star certo che tra 10 anni avrai molti meno soldi di adesso.

Purtroppo però c’è un risvolto della medaglia, ovvero che correre rischi comporta inevitabilmente aumentare le probabilità di commettere qualche errore.

Tuttavia correre rischi è inevitabile, è un po’ come andare dal dentista, non piace a nessuno ma è necessario.

E allora come ci dobbiamo comportare davanti all’errore per fare in modo che ci danneggi il meno possibile?

Per risponderti ti porto, come ti avevo promesso all’inizio, un caso concreto: l’investimento in Kraft-Heinz fatto da Warren Buffett.

Sì, hai capito bene, anche l’oracolo di Omaha sbaglia. 

Però il grande Warren anche nell’errore rimane un maestro e ci da lo spunto per imparare un sacco di cose utilissime.

Come sempre, prima di tutto i fatti.

Buffett ed il suo inseparabile socio Charlie Munger nel 2013 hanno acquistato per 28 miliardi di dollari Heinz, re del ketchup ma anche del cibo per bambini, attraverso il famosissimo marchio Plasmon.

L’idea era quella di creare un gruppo nel settore food che fosse talmente solido da infastidire il gigante Nestlè.

Ed infatti 2 anni dopo, nel marzo 2015 Heinz acquisì il marchio Kraft con una operazione da 50 miliardi di dollari.

Kraft non ha certo bisogno di presentazioni infatti oltre alle sottilette e alla maionese possiede anche il famosissimo marchio Philadelphia.

Le cose però non sono andate come Buffett e Murger si aspettavano ed il prezzo pagato per acquisire Kraft si è rivelato troppo alto.

Nel 2019 le azioni della nuova compagnia sono crollate e Buffett si è reso conto di aver fatto un errore.

E qui il nostro cerchio si chiude, eravamo partiti da un errore e su di un errore siamo tornati.

Ma come si è comportato il grande vecchio dei mercati finanziari? Quali lezioni possiamo trarne?

Bè innanzitutto non bisogna colpevolizzarsi eccessivamente quando si commette un errore. Se sbaglia anche il più grande investitore di tutti i tempi è più che normale che un errore lo faccia anche tu.

Quello che fa la differenza è come si reagisce all’errore e a mio avviso, anche in questa occasione, l’oracolo di Omaha ci ha dato, come ti dicevo, una lezione.

Infatti Buffett non si è nascosto, non ha trovato scuse, ma ha pubblicamente ammesso l’errore.

Ha preso atto della situazione, svalutando la sua partecipazione per incamerare la perdita, ma allo stesso tempo non è uscito dall’investimento.

E’ rimasto lucido, ha tolto dal bilancio il valore a cui l’aveva acquistato per non raccontare bugie, né a se stesso né al mondo ed in questo modo ha potuto guardare l’investimento per quello che era, togliendo la componente emotiva.

Dopo aver incassato la perdita, quello che ha fatto è pensare se rimanere in quella società fosse una buona idea o meno.

Dopo una attenta analisi ha deciso di continuare a credere nell’operazione e solo il tempo ci dirà se ha fatto male o ha fatto bene, però se dovessi scommettere un centesimo direi che ha fatto bene.

E’ per questo che anche io cerco di comportarmi allo stesso modo.

Molte volte durante le dirette sulla mia pagina Battere il Benchmark mi capita di ammettere qualche errore. In molti si stupiscono ma, in realtà, questo è l’unico modo per rimanere lucido.

Io non ne faccio una questione di onore, ma di soldi.

Se vuoi fare soldi devi tenere fuori l’emotività. Il mio obiettivo non è dimostrare di avere ragione, il mio obiettivo è far guadagnare chi mi segue e negli ultimi 10 anni ci sono riuscito abbastanza bene, tanto che, incredibile ma vero, ho battuto dal 2010 ad oggi sia il mercato che la società di Warren Buffett.

Ecco perchè oggi ti ho voluto parlare di questa storia, se anche tu rimarrai lucido quando ti accorgi di aver fatto uno sbaglio saprai certamente come rimediare.

Io ogni lunedì, l’ho fatto anche ieri, faccio una riunione con il mio team e valuto una ad una tutte le azioni in portafoglio per capire, senza emotività, se è il caso di mantenere l’investimento o di cambiare rotta.

Consiglio quindi a che a te di fare la stessa cosa, magari non tutte le settimane ma è comunque importante tenere sempre monitorati i tuoi investimenti.

Tuttavia so benissimo che gestire l’emotività non è facile. E’ per questo che avere un professionista che ti guida può essere una buona idea, quindi se vuoi entrare nella nostra famiglia posso darti una mano.

Abbonandoti ai miei servizi potrai operare nel mercato americano in modo semplice e sicuro senza dover fare noiose analisi e senza la paura di sbagliare. Se vuoi informazioni manda adesso un whatsapp allo 392 5186777. Un mio collega risponderà a tutte le tue domande e ti aiuterà a capire quale dei miei servizi è più adatto alle tue esigenze.

Al tuo successo!

Giuseppe Pascarella

Firma
Giuseppe Pascarella
Giuseppe Pascarella@giuseppepascarellaofficial
Leggi Tutto
- Esperto di mercato azionario USA
- Fondatore di PascaProfit.com
- Autore di "Battere il Benchmark"

COPIE LIMITATE! Libro in REGALO

VUOI FAR CRESCERE I TUOI RISPARMI?

Ordina il libro in REGALO e scopri:

  • Perché investire sul mercato più sicuro e profittevole del mondo: quello americano e non altrove
  • Come costruire la mentalità da investitore per non farsi condizionare dalle emozioni
  • Perché è importante investire e perché non dovresti lasciare i soldi sul conto corrente

Scopri gli Ultimi articoli