Ci sono nuvole all’orizzonte di Apple?

Condividi l'articolo

Da inizio maggio Apple è cresciuta del 9,61%.

Considerato che siamo ancora nel mezzo di una pandemia credo che non ci si possa lamentare!

D’altronde sappiamo che il settore tecnologico è quello che ha performato meglio da quando, a seguito dell’arrivo del Covid-19 in Europa, si è scatenato il panico sul mercato.

Apple però ha battuto sia il suo settore di riferimento che il mercato in generale, arrivando in maggio a doppiare la performance dell’S&P 500.

Tra i motivi che hanno sostenuto il titolo della mela c’è sicuramenta l’ottima ripresa delle vendite in Cina.

Dopo lo spaventoso crollo avvenuto in febbraio a causa del lockdown totale imposto dalle autorità a cinesi, le cose stanno ora andando decisamente meglio.

Già a marzo, a seguito della progressiva riapertura dei punti vendita, Apple era riuscita a piazzare nel mercato cinese circa 1,5 milioni di smartphone…

…ma è stato ad aprile che l’azienda di Cupertino è arrivata a vendere 3,9 milioni di Iphone, mettendo a segno un aumento del 160%.

Insomma il quadro parrebbe rassicurante, tuttavia alcuni analisti sollevano qualche dubbio sul futuro di Apple in uno dei mercati più importanti del pianeta come quello cinese.

Infatti dei 3.9 milioni di pezzi venduti ad aprile, ben il 24% riguardavano l’iphone SE, benchè questo modello sia stato commercializzato solo a mese in corso.

Questo testimonia la tendenza del mercato a richiedere cellulari di fascia più bassa.

L’iPhone SE è commercializzato ad un prezzo di 3.299 Yuan ovvero circa 464 dollari e rappresenta l’unico modello prodotto da Apple su questa fascia.

Se la domanda dei consumatori cinesi, come sembra, a seguito del Covid-19 si sposterà maggiormente su di una fascia di mercato più bassa, il colosso di Cupertino potrebbe subire la concorrenza di Huawei e Xiaomi che dispongono di una gamma più competitiva su questa fascia.

Tutto ciò potrebbe portare l’azienda creata da Steve Jobs a perdere quote in un mercato molto importante come quello cinese.

Ecco perché alcuni analisti stanno intravedendo ombre sul futuro di Apple.

E’ sufficiente per preoccuparsi?

Forse no, ma è comunque un elemento da monitorare. E’ normale che il Covid-19 porterà ad un cambio di abitudini nei consumatori e sarà molto importante verificare come le aziende sapranno adattarsi a questi cambiamenti.

Al momento, stando ai numeri, Apple malgrado il rally messo a segno non appare particolarmente sopravvalutata.

Confrontando il valore del P/E (rapporto tra prezzo e utili) Apple appare la meno sopravvalutata tra le 5 FAANG.

Ma qui occorre fare una precisazione.

Infatti guardare il P/E per capire se una azienda è sopravvalutata o meno è sicuramente utile, ma non basta, altrimenti si rischia di banalizzare il concetto.

Fare analisi è una cosa che richiede tempo ed esperienza e non basta controllare un solo dato per capire come stanno le cose.

Ad esempio, per avere un’idea più precisa della situazione, è molto più indicato controllare un altro parametro.

Si tratta del PEG (Price earning / growth).

Non ti spaventare, è molto semplice.

Bisogna solo dividere il rapporto prezzo utili con le stime di crescita dell’utile per azione dei prossimi 5 anni.

In questo modo si riesce a normalizzare il dato e capire meglio se una azienda è sopravvalutata o meno.

Immagino che ora sarai curioso di sapere com’è la valutazione di Apple rispetto alle Faang.

Ti accontento subito.

Netflix 3,07
Apple 2,97
Amazon 2,44
Facebook 1,82
Google 1,46

Come vedi il quadro che ne esce è totalmente diverso.

Questo è un ottimo esempio per farti capire come siano tanti gli elementi da prendere in considerazione prima di esprimere un giudizio su di una azienda.

E’ per questo che ho assunto di un team di analisti molto preparato con i quali mi confronto sempre per cercare, ogni giorno, di prendere le scelte migliori possibili.

Per ora i fatti mi stanno dando ragione.

Come dico sempre non sono infallibile ma dopo aver prodotto un rendimento del 678% in 10 anni, penso, con la massima umiltà, di aver trovato un metodo vincente.

Sono molto orgoglioso del mio metodo perché mi è veramente costato tantissimo lavoro.

Se vuoi conoscere il famoso “Sistema Pascarella” ti basta acquistare il mio libro “Battere il Benchamrk”.

Ma in quel testo non ho parlato solo del mio metodo ma ho anche cercato di spiegare tutte le nozioni basilari che servono per iniziare ad investire nel mercato più profittevole al mondo, ovvero la borsa americana.

Per conoscere nel dettaglio tutto ciò che potrai imparare leggendo il mio libro clicca qui.

Se invece vuoi iniziare subito ad investire, ma vuoi farlo avvalendoti dell’esperienza mia e del mio team manda subito un whatsapp al numero 392 5186777. Un mio analista ti contatterà e ti spiegherà come anche tu puoi iniziare ad investire in modo corretto senza dover fare noiose analisi e senza aver il terrore di sbagliare.

Al tuo successo

Giuseppe Pascarella

Firma

“Battere il Benchmark”
+ 6 Bonus del Valore REALE di 425 euro
Tutto a soli 27 euro (Spedizione incluse)

Clicca ADESSO sul pulsante qui sotto perché è un’offerta limitata

La spedizione è GRATIS

“Battere il Benchmark” + 6 Bonus del Valore REALE di 425 euro. Tutto a soli 27 euro (Spedizione Incluse) invece di 452,00 euro.

Clicca ADESSO sul pulsante qui sotto e approfitta di questa offerta

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Seguimi anche sul gruppo Facebook
"Battere il Benchmark"

Scopri gli Ultimi articoli