Ecco un titolo che potrebbe diventare interessante

In queste settimane ho messo nella mia watchlist il titolo BorgWarner.

Ma mettiamo subito in chiaro una cosa:

non ti sto assolutamente consigliando di acquistare questo titolo!

Io stesso non l’ho fatto e non so nemmeno se lo farò in futuro.

Se te ne parlo è perchè lo ritengo un titolo molto interessante che terrò sicuramente d’occhio e quindi penso possa esserti utile conoscerlo.

Innanzitutto, come sempre, partiamo dal capire chi sono e cosa fanno i nostri amici della BorgWarner.

BorgWarner Inc. (NYSE:BWA) è una multinazionale statunitense produttrice e fornitrice di componenti per il settore automobilistico, con sede a Auburn Hills, Michigan.

Sono piazzati bene sul territorio, con 67 stabilimenti in 19 stati e ogni mese danno lo stipendio a ben 29.000 dipendenti.

Il cuore dell’attività si può dividere in due: un 60% del fatturato deriva dalla produzione di motori e il restante 40% da sistemi di trasmissione automatica.

Bene, capito più o meno cosa fa quest’azienda adesso dobbiamo chiederci  quali possono essere le prospettive per il futuro.

Io penso che BorgWarner possa trarre vantaggio sia dalla crescente popolarità dei veicoli crossover sia dal sempre maggiore irrigidimento delle normative ambientali che porterà alla necessità di una maggiore efficienza dei veicoli.

Mi aspetto quindi che faccia meglio rispetto al suo settore di riferimento e questa mia idea è confermata anche dal fatto che già in passato è riuscita ad avere un tasso di crescita migliore del suo settore.

Quando il settore sale, BorgWarner sale di più, quando scende invece scende meno.

E questa è una caratteristica importante.

Basta pensare che nel terribile biennio 2007-2009 mentre il settore ha perso il 20% BorgWarner è riuscita a limitare le perdite al 14%.

Vuoi sapere quali sono i titoli che hanno fatto guadagnare al mio portafoglio di punta il + 628% negli ultimi 10 anni?

Inoltre l’azienda, prima dello tsunami provocato dalla pandemia, era in buona salute.

I dati dell’ultimo trimestre del 2019 hanno mostrato un utile superiore alle attese con i ricavi che si sono attestati a $2,56B superando le stime di ben 70 milioni di dollari.

Anche in questo caso, l’azienda ha fatto meglio del suo settore.

Non mi soffermo sulle previsioni del 2020 perché andranno sicuramente aggiornate una volta capiti i reali effetti che il coronavirus avrà sul Pil mondiale.

Nel mio metodo – che ho spiegato in dettaglio nel mio ultimo libro “Battere il benchmark – lo studio dei fondamentali è molto importante.

E anche sotto questo profilo la BorgWarner appare sufficientemente solida.

Non entro nello specifico perché sono cose molto tecniche, se vuoi approfondire sul mio blog www.pascaprofit.it trovi un articolo che ho scritto, sempre su questa società, dedicato agli addetti ai lavori dove spiego tutto nel dettaglio, cifra dopo cifra…

Per il momento ti basti sapere che l’azienda ha registrato un margine lordo pari al 12,48%, il che è molto positivo essendo superiore sia a quello del settore  (11,73%) che alla media degli ultimi 10 anni.

Detto questo, passiamo ad un altro pilastro del mio metodo: L’analisi dei vantaggi competitivi.

Questo tipo di analisi è importante per capire se una azienda è in grado di costruirsi quello che il mitico Warren Buffet chiama “fossato economico”.

Infatti i vantaggi competitivi servono per creare quella difesa invalicabile per proteggere le quote di mercato.

BorgWarner, in quanto a fossato, non si può lamentare.

I prodotti BWA sono riconosciuti dai clienti come prodotti in grado di migliorare l’efficienza nel consumo di carburante a costi accessibili e in grado di rendere differenziante il prodotto.

Inoltre BorgWarner ha stipulato con i propri clienti contratti di lungo periodo, che garantiscono le entrate future. 

Ma ciò che conta di più è che per i clienti di BWA sarebbe molto difficile e oneroso cambiare fornitore e questa è certamente un ottima garanzia per il futuro della compagnia.

Quindi molto bene direi, ma allora perché non corro a comprare queste azioni?

Bé perché prima che un’azione entri nel mio portafoglio deve superare molti step e soprattutto vanno valutati con attenzione i possibili rischi che si nascondo tra le pieghe dei numeri.

Ad esempio BorgWarner, come tutto il settore, è esposta al rischio dell’elevata leva operativa, che la costringe a fare continui investimenti per il miglioramento dell’efficienza.

Questo la espone maggiormente ai rischi macroeconomici.

Infatti questo settore è fortemente ciclico e l’operatività legata ad una alta intensità di capitale fa sì che una caduta del fatturato genererebbe un impatto molto importante sul profitto aziendale.

Ecco perché al momento è meglio rimanere alla finestra, ma sono convinto che, quando le nuvole del coronavirus spariranno, questa sia una delle aziende che si presenterà tra le migliori posizioni ai nastri della ripartenza.

Come proteggere i tuoi risparmi ai tempi del Coronavirus

In Italia abbiamo una informazione finanziaria veramente di basso livello ed è molto difficile reperire informazioni concrete ed attendibili.

Si cerca sempre di esasperare i toni, di creare panico nelle persone e questo è un grave danno per gli investitori.

in questi giorni ricevo moltissime domande, le persone mi chiedono cosa devono fare per proteggere i propri risparmi dal coronavirus.

Per rispondere a tutte queste domanda ho scritto uno Speciale Report. Clicca sul pulsante qui sotto per scaricarlo.

Permettimi perciò di ripeterti che questo articolo non costituisce in nessun modo una sollecitazione all’acquisto, ancor più perché l’acquisto al momento non l’ho fatto nemmeno io.

Io ed il mio team, soprattutto in questi momenti difficili, siamo molto attivi nello studio del mercato, per riuscire a cogliere le migliori occasioni che rimangono sul campo anche nelle fasi di ribasso.

Se vuoi sapere quali sono le azioni che stiamo pensando di mettere nei nostri portafogli non devi fare altro che mandare un messaggio 3925186777 e verrai richiamato da uno dei miei analisti che ti spiegherà come replicare tutte le mie operazioni in maniera veramente molto facile.

Al tuo successo.

Giuseppe 

Battere il Benchmark

“La guida definitiva per investire con profitto nel mercato americano e battere il benchmark ogni anno, grazie al Protocollo Pascarella”.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Seguimi anche sul gruppo Facebook
"Battere il Benchmark"

Scopri gli Ultimi articoli